Utilizziamo i cookies per migliorare la tua navigazione sul nostro sito. Continuando ad utilizzare questo sito ne accetti l'utilizzo.

Corso- Patentino Macchine movimento terra escavatori pale caricatrici (ruspe) terne 279 € BRESCIA VERONA VICENZA PADOVA TREVISO VENEZIA TRENTO PORDENONE BRESCIA BERGAMO

  • Modifica

CORSO - PATENTINO MACCHINE MOVIMENTO TERRA ESCAVATORI PALE CARICATRICI (RUSPE) TERNE

BRESCIA VERONA VICENZA PADOVA TREVISO VENEZIA TRENTO PORDENONE BERGAMO CREMONA


Corso in conformità con l'Accordo Stato Regioni 22 febbraio 2012

Costo:

CORSO INTERO 279 € + IVA

AGGIORNAMENTO TEORICO 82 € + IVA

AGGIORNAMENTO TEORICO PRATICO 130 € + IVA

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. / 3284232156

 

GUARDA I MIEI CORSI SU FACEBOOK

 

  

VICENZA (SANDRIGO) *

22-23 NOVEMBRE 2019

Teoria presso Piazza Santi Filippo e Giacomo 24 , Sandrigo (Teoria)VI orario 8:00 - 12:00 

Addestramento primo giorno dalle ore 13:00 ALLE 19:00 in Zona Industriale di Sandrigo e dalle ore 8:00 ALLE 14:00 del secondo giorno (gli addetti verranno accompagnati)

* SEDE CON INTEGRAZIONE USO CARICATORE RAGNO A RICHIESTA

  

MANTOVA - REGGIO EMILIA

 IN PROGRAMMAZIONE

 

 

PROSSIMI CORSI IN PROGRAMMA - CLIKKA

 

CONTENUTI DEL CORSO

1. Modulo giuridico - normativo (1 ora)

1.1. Presentazione del corso. Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con
particolare riferimento all’uso di attrezzature di lavoro semoventi con operatore a bordo (D.Lgs. n.
81/2008). Responsabilità dell’operatore.

 

2. Modulo tecnico (3 ore)
2.1. Categorie di attrezzature: i vari tipi di macchine movimento terra e descrizione delle caratteristiche
generali e specifiche, con particolare riferimento a escavatori, caricatori, terne e autoribaltabili a cingoli.
2.2. Componenti strutturali: struttura portante, organi di trasmissione, organi di propulsione, organi di
direzione e frenatura, circuiti dì comando, impianto idraulico, impianto elettrico (ciascuna componente
riferita alle attrezzature oggetto del corso).
2.3. Dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento,
identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione. Visibilità dell’attrezzatura e identificazione delle
zone cieche, sistemi di accesso.
2.4. Controlli da effettuare prima dell’utilizzo; controlli visivi e funzionali ad inizio ciclo di lavoro.
2.5. Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti nel ciclo base delle
attrezzature (rischio di capovolgimento e stabilità statica e dinamica, contatti non intenzionali con organi in
movimento e con superfici calde, rischi dovuti alla mobilità, ecc.). Avviamento, spostamento, azionamenti,
manovre, operazioni con le principali attrezzature di lavoro. Precauzioni da adottare sull’organizzazione
dell’area di scavo o lavoro.
2.6. Protezione nei confronti degli agenti fisici: rumore, vibrazioni al corpo intero ed al sistema manobraccio.

 

 3. Moduli pratici specifici


3.1. Modulo pratico per escavatori idraulici (6 ore)
Esempio di escavatore a ruote
Esempio di escavatore a cingoli
3.1.1 Individuazione dei componenti strutturali: struttura portante, organi di trasmissione, organi di
propulsione, organi di direzione e frenatura, dispositivi di accoppiamento e azionamento delle macchine
operatrici.
3.1.2 Individuazione dei dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e
loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione, conoscenza dei pattern di
comando.
3.1.3 Controlli pre-utilizzo: controlli visivi e funzionali della macchina, dei dispositivi di comando e di
sicurezza.
3.1.4 Pianificazione delle operazioni di campo: accesso, sbancamento, livellamento, scavo offset,
spostamento in pendenza a vuoto ed a carico nominale. Operazioni di movimentazione carichi, manovra di
agganci rapidi per attrezzi.
3.1.5 Esercitazioni di pratiche operative: tecniche di manovra e gestione delle situazioni di pericolo.
3.1.5.1. Guida dell’escavatore ruotato su strada. Le esercitazioni devono prevedere:
a) predisposizione del mezzo e posizionamento organi di lavoro;
b) guida con attrezzature.
3.1.5.2. Uso dell’escavatore in campo. Le esercitazioni devono prevedere:
a) esecuzione di manovre di scavo e riempimento;
b) accoppiamento attrezzature in piano e non;
c) manovre di livellamento;
d) operazioni di movimentazione carichi di precisione;
e) aggancio di attrezzature speciali e loro impiego.
3.1.6. Messa a riposo e trasporto dell’escavatore: parcheggio e rimessaggio (ricovero) in area idonea,
precauzioni contro l’utilizzo non autorizzato. Salita sul carrellone di trasporto. Individuazione dei punti di
aggancio per il sollevamento.

 

3.3. Modulo pratico per caricatori frontali (6 ore)

3.3.1. Individuazione dei componenti strutturali: struttura portante, organi di trasmissione, organi di
propulsione, organi di direzione e frenatura, dispositivi di accoppiamento e azionamento delle macchine
operatrici.
3.3.2. Individuazione dei dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e
loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione.
3.3.3. Controlli pre-utilizzo: controlli visivi e funzionali del caricatore, dei dispositivi di comando e di
sicurezza.
3.3.4. Pianificazione delle operazioni di caricamento: pendenze, accesso, ostacoli sul percorso, tipologia e
condizioni del fondo. Operazioni di movimentazione e sollevamento carichi, manovra di agganci rapidi per
attrezzi.
3.3.5. Esercitazioni di pratiche operative: tecniche di manovra e gestione delle situazioni di pericolo.
3.3.5.1. Trasferimento stradale. Le esercitazioni devono prevedere:
a) predisposizione del mezzo e posizionamento organi di lavoro;
b) guida con attrezzature.
3.3.5.2. Uso del caricatore in campo. Le esercitazioni devono prevedere:
a) manovra di caricamento;
b) movimentazione carichi pesanti;
c) uso con forche o pinza.
3.3.6. Messa a riposo e trasporto del caricatore: parcheggio e rimessaggio (ricovero) in area idonea,
precauzioni contro l’utilizzo non autorizzato.

 


3.4. Modulo pratico per terne (6 ore)

3.4.1. Individuazione dei componenti strutturali: struttura portante, organi di trasmissione, organi di
propulsione, organi di direzione e frenatura, dispositivi di accoppiamento e azionamento delle macchine
operatrici.
3.4.2. Individuazione dei dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e
loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione.
3.4.3. Controlli pre-utilizzo: controlli visivi e funzionali della terna, dei dispositivi di comando e di sicurezza, .
3.4.4. Pianificazione delle operazioni di scavo e caricamento: pendenze, accesso, ostacoli sul percorso e
condizioni del terreno, sbancamento, livellamento, scavo. Operazioni di movimentazione carichi, manovra
di agganci rapidi per attrezzi.
3.4.5. Esercitazioni di pratiche operative: tecniche di manovra e gestione delle situazioni di pericolo.
3.4.5.1. Guida della terna su strada. Le esercitazioni devono prevedere:
a) predisposizione del mezzo e posizionamento organi di lavoro;
b) guida con attrezzature.
3.4.5.2. Uso della terna. Le esercitazioni devono prevedere:
a) esecuzione di manovre di scavo e riempimento;
b) accoppiamento attrezzature in piano e non;
c) manovre di livellamento;
d) operazioni di movimentazione carichi di precisione;
e) aggancio di attrezzature speciali (martello demolitore, pinza idraulica, trivella, ecc.) e loro impiego;
f) manovre di caricamento.
3.4.6. Messa a riposo e trasporto della terna: parcheggio e rimessaggio (ricovero) in area idonea,
precauzioni contro l’utilizzo non autorizzato.

 

3.6. Modulo pratico per escavatori idraulici, caricatori frontali e terne (12 ore)


3.6.1. Individuazione dei componenti strutturali: struttura portante, organi di trasmissione, organi di
propulsione, organi di direzione e frenatura, dispositivi di accoppiamento e azionamento delle macchine
operatrici.
3.6.2. Individuazione dei dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e
loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione, conoscenza dei pattern di
comando.
3.6.3. Controlli pre-utilizzo: controlli visivi e funzionali delle macchine, dei dispositivi di comando e di
sicurezza.
3.6.4. Pianificazione delle operazioni di campo, scavo e caricamento: pendenze, accesso, ostacoli sul
percorso, tipologia e condizioni del fondo e del terreno, sbancamento, livellamento, scavo, scavo offset,
spostamento in pendenza a vuoto ed a carico nominale. Operazioni di movimentazione e sollevamento
carichi, manovra di agganci rapidi per attrezzi.
3.6.5. Esercitazioni di pratiche operative: tecniche di manovra e gestione delle situazioni di pericolo.
3.6.5.1 Guida degli escavatori idraulici, dei caricatori frontali e delle terne su strada. Le esercitazioni devono
prevedere:
a) predisposizione del mezzo e posizionamento organi di lavoro;
b) guida con attrezzature.
3.6.5.2 Uso di escavatori idraulici, dei caricatori frontali e delle terne. Le esercitazioni devono prevedere:
a) esecuzione di manovre di scavo e riempimento;
b) accoppiamento attrezzature in piano e non;
c) manovre di livellamento;
d) operazioni di movimentazione carichi pesanti e di precisione;
e) uso con forche o pinza;
f) aggancio di attrezzature speciali (martello demolitore, pinza idraulica, trivella, ecc.) e loro impiego;
g) manovre di caricamento.
3.6.6. Messa a riposo e trasporto degli escavatori idraulici, dei caricatori frontali e delle terne: parcheggio e
rimessaggio (ricovero) in area idonea, precauzioni contro l’utilizzo non autorizzato. Salita sul carrellone di
trasporto. Individuazione dei punti di aggancio per il sollevamento.

 

Per consulenze corsi D.Lgs 81/08 contattare:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. od il numero 3284232156.

Area di competenza principale: Mogliano Veneto, Scorzè, Noale, Noventa di Piave, Motta di Livenza, Padova, Vicenza, Treviso, Venezia, Marostica, Castelfranco Veneto, Cittadella, Bassano del Grappa, Thiene, Schio, Valdagno, Chiampo, Arzignano, Brescia Bergamo, Verona, Mantova, Treviso, Venezia, Lodi, Milano, Lecco, Cremona, Chiari, Montichiari, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, etc.